Le news sono disponibili solo in lingua italiana


“myFrenchFilmFestival.com”, il film francese di qualità ad Aosta
inserita in data: 2015-01-29

Prima collaborazione fra Alliance Française Vallée d’Aoste e Film Commission VdA.


L’Alliance Française Vallée d’Aoste, in collaborazione con Film Commission VdA e la Cittadella dei Giovani, offre gratuitamente al pubblico valdostano quattro giornate interamente dedicate alle opere più recenti di alcuni promettenti giovani registi francesi.
Fra il 5 e il 13 febbraio, tutti i giovedì e venerdì, sempre con inizio alle ore 18.30, l’auditorium della Cittadella dei giovani di Aosta ospiterà infatti la visione di otto film in lingua originale (quattro lungometraggi e quattro cortometraggi) selezionati fra i venti che stanno partecipando alla quinta edizione di “myFrenchFilmFestival.com”, l’originale rassegna cinematografica online che permette ogni anno agli internauti di tutto il mondo di condividere il loro amore per il cinema francese e francofono.
E’ questa l’occasione per poter vedere sul grande schermo opere di qualità inedite in Italia e che difficilmente saranno reperibili nel circuito delle sale cinematografiche.


Ecco nel dettaglio il programma delle serate (Auditorium Cittadella dei giovani - ore 18.30):

Giovedì 5 febbraio

Dip N’ Dance di Hugo Cierzniak (corto di animazione, 2013 – 6 min.)

Tirez la langue, mademoiselle di Axelle Ropert (Commedia drammatica, 2013 – 1h42 min.) Boris e Dimitri sono medici nel quartiere cinese di Parigi. Sono fratelli e svolgono insieme la loro professione con passione e abnegazione.

Venerdì 6 febbraio

Molii di H. Zouhani, Y. Qnia, C. May, M. Boudaoud (corto di finzione, 2013 – 13 min.)

Tristesse Club di Vincent Mariette (Commedia drammatica, 2014 – 1h30 min.) - Bruno et Léon sono due fratelli dal carattere opposto, tanto riservato e timido il primo quanto esuberante e sbruffone il secondo. Costretti a ritornare nel paese natale per il funerale del padre, devono far fronte ad una serie di imprevedibili colpi di scena.


Giovedì 12 febbraio

Le Retour di Yohann Kouam (corto di finzione, 2013 – 20 min.)

Vandal di Hélier Cisterne (Drammatico, 2013 – 1h24 min.)
Chérif è un adolescente ribelle e solitario. Sopraffatta, la madre decide di mandarlo dagli zii a Strasburgo, dove deve riprendere gli studi in edilizia. La sua ultima opportunità.

Venerdì 13 febbraio

La Bûche de Noël di S. Aubier, V. Patar (corto di animazione, 2013 – 25 min.)

L’étrange couleur des larmes de ton corps di H. Cattet, B. Forzani (Drammatico, 2012 – 1h42 min.)- vietato ai minori di 12 anni
Un marito indaga sulle strane circostanze della scomparsa di sua moglie. Più le indagini avanzano, più il suo appartamento diventa un abisso da cui sembra non esserci scampo.


OLTRECONFINE Laboratorio di cinema del reale
inserita in data: 2015-01-13

A cura di Giovanni Cioni.


Film Commission Vallée d’Aoste, in collaborazione con il regista Giovanni Cioni, organizza OLTRECONFINE, laboratorio di cinema del reale.

Un laboratorio di idee e progetti sul tema dei confini; idee che potranno svilupparsi sotto forma di saggi cinematografici brevi, o di progetti che possono avviarsi nel corso dei laboratori.


“Un laboratorio dove esplorare l'idea di confini attraverso la scrittura e realizzazione di una serie di lavori realizzati in collettivo o realizzati individualmente come proposte e declinazioni libere dell'idea di confine. Uno spunto narrativo di partenza, per questo viaggio che intraprendiamo, sono i Canti Orfici di Dino Campana. Più che uno spunto narrativo, un materiale poetico, una mappa di ispirazione.
Spesso nel mio lavoro di cineasta “del reale” mi ispiro a modelli narrativi – un racconto delle mille e una notte, la leggenda napoletana del capitano, il corsaro nero di Salgari, l'epopea di Ulisse. Mi servono come piste, come mappe, per andare oltre uno sguardo condizionato dalla parola stessa di “documentario” - che implica un documento da riportare con oggettività, come se il reale fosse un dato di fatto, ineluttabile. Come se facendo un film non partecipassi a questo reale, costruendolo, quasi inventandolo. Ma non per questo il reale è meno vero.”
(G. Cioni)

A partire da questa ed altre suggestioni (v. materiale allegato), a chiunque sia interessato a partecipare si chiede una motivazione, un'idea di progetto o un progetto, eventualmente del lavoro da mostrare: materiale girato, fotografie.
“Perché un laboratorio si nutre delle proposte e percorsi dei suoi partecipanti”.


Il laboratorio prenderà il via a fine febbraio e si concluderà nel mese di giugno e prevede un primo blocco di incontri dedicati alla discussione sui materiali, le idee e i progetti presentati, al fine di delineare un progetto comune o una serie di saggi diversi e complementari intorno alla stessa idea; sarà inoltre il momento per una prima fase di sopralluoghi.

Successivamente il laboratorio continuerà ad alternare fasi di lavoro con il regista (che coordinerà anche alcune fasi di riprese e montaggio) ad altre di lavoro autonomo.



INFO PRATICHE

Calendario:
I primi incontri in calendario sono previsti per i fine settimana del 28 febbraio-1 marzo e 14-15 marzo con orario 10/13,30 – 14,30-18,30.
Successivamente il regista sarà presente dal 26 al 29 marzo per lavorare rispettivamente con i partecipanti che hanno espresso una preferenza per incontri infrasettimanali (gio/ve) o durante il fine settimana (sa/do).
Le date successive sono da confermare anche in accordo con i partecipanti, al fine di stabilire un calendario di sopralluoghi, riprese, montaggio.

Calendario di massima per gli appuntamenti successivi (suscettibile di variazioni)
9-12 aprile
23-26 aprile
7-10 maggio
28-31 maggio
13-14 giugno

Dove:
Il laboratorio si svolgerà presso la Biblioteca Comunale di Saint-Christophe per le sessioni da svolgersi in aula e su tutto il territorio valdostano durante la fase dei sopralluoghi e delle riprese.


Iscrizione:
Il laboratorio prevede un numero massimo di 15 iscritti ed è destinato sia a filmmaker che abbiano già esperienza che a persone che abbiano maturato competenze diverse nell’ambito dell’audiovisivo e che vogliano fare esperienza nella scrittura e realizzazione di cinema del reale.

Per candidarsi è necessario:

- Inviare una lettera di motivazione in cui può essere indicata un’idea/progetto sul tema dei confini, a partire dalle suggestioni e dai materiali forniti da Giovanni Cioni (v. documento allegato);
- Garantire l’impegno ad essere presenti per tutta la durata del laboratorio;
- Inviare un CV;
- Indicare se si dispone di materiale per le riprese e/o il montaggio (se sì indicare di quale tipo)
- Indicare se si è disponibili a partecipare nei giorni infrasettimanali (giovedì/venerdì) o durante il sabato e la domenica (ATTENZIONE: I PRIMI DUE APPUNTAMENTI SI TERRANNO IN OGNI CASO DURANTE IL FINE SETTIMANA).



Tutto il materiale va inviato ENTRO IL 31 GENNAIO 2015
all’indirizzo formazione@filmcommission.vda.it
con oggetto: laboratorio Oltreconfine


La selezione dei partecipanti avverrà in base alla lettera di motivazioni e all’eventuale progetto presentato.

Materiale tecnico:
È auspicabile che i partecipanti siano quanto più possibile autonomi per ciò che riguarda il materiale per le riprese ed eventualmente per il montaggio; Film Commission metterà a disposizione una postazione per il montaggio e la post produzione (Final CutPro e DaVinci Resolve); eventuali necessità di materiali aggiuntivi verranno valutate in corso d’opera.


Costi:
Il laboratorio è gratuito. I costi a carico dei partecipanti prevedono viaggi, vitto e alloggio. Film Commission è a disposizione per il supporto nella ricerca di alberghi, bed & breakfast o alloggi a prezzi convenzionati.


Contatti:
Film Commission Vallée d’Aoste
Tel 0165 261790
info@filmcommission.vda.it
per comunicazioni riguardanti il laboratorio utilizzare esclusivamente l’indirizzo formazione@filmcommission.vda.it




GIOVANNI CIONI
cineasta, ha vissuto tra Parigi (dove è nato nel 1962), Bruxelles, dove si è formato, Lisbona, Napoli e la Toscana, dove attualmente vive.

Tra i suoi film: PER ULISSE, premio del concorso internazionale e premio cinemaitaliano al Festival dei Popoli, Firenze, dicembre 2013, menzione speciale al festival Cinema e diritti umani, Napoli, dicembre 2013, in anteprima a Visions du Réel, Nyon, competizione internazionale, aprile 2013, Etats généraux du film documentaire, Lussas, aout 2013, Festival des cinemas des Peuples Anuuruaboro, Nuova Caledonia, competizione internazionale, novembre 2013), GLI INTREPIDI, in anteprima alla 69 Mostra del Cinema di Venezia, Giornate degli Autori, IN PURGATORIO, selezionato e premiato in vari festival (tra cui il Festival dei Popoli, Bellaria e Cinéma du Réel), distribuito in sala in Belgio e in Francia, NOUS/AUTRES.

Assieme a Pinangelo Marino crea e dirige i LABORATORI UCCELLACCI, laboratori di scrittura e realizzazione con ragazzi di varie scuole medie della provincia di Firenze.

Nell'aprile 2011 il festival VISIONS DU REEL di Nyon ha dedicato una retrospettiva al suo lavoro.

SCARICA I MATERIALI
Vai al sito di Giovanni Cioni

FILM COMMISSION VdA: I PROGETTI FINANZIATI
inserita in data: 2015-01-09

Sono tre i nuovi progetti sostenuti dal Film Fund di Film Commission Vallée d’Aoste e dal Bando Doc Film Fund: tra questi il film di Daniele Vicari dal titolo “Bianco”.


Dopo “Diaz, Don’t Clean Up This Blood” Vicari affronta una sfida forse ancor più ambiziosa e complessa, raccontare una delle più gravi tragedie alpinistiche della storia, il tentativo di scalare il pilone centrale del Frêney, una verticale di 750 metri a ridosso della cima del Monte Bianco. Nel luglio del 1961 Walter Bonatti, insieme ad altri sei alpinisti, due italiani e quattro francesi, tentò la spedizione. Solo in tre tornano a casa: Bonatti, Pierre Mazeaud e Roberto Gallieni. Una tempesta ne uccise quattro su sette.
“Bianco”, che avrà come protagonisti Elio Germano e Luca Argentero, è stato scritto da Vicari insieme a Massimo Gaudioso (“Gomorra”, “Reality”, “È stato il figlio”), Francesca Manieri e Marco Albino Ferrari (autore del libro “Frêney 1961. Un viaggio senza fine”); conta su un budget di circa 6 milioni di euro ed è una coproduzione tra l’italiana Mir e la francese Aeternam, con Rai Cinema, Valle d’Aosta Film Commission e BLS Südtirol – Alto Adige Film Fund & Commission.
Le riprese avverranno nella zona del Monte Bianco.

Per quanto concerne il Bando Doc-Film Fund Valle d’Aosta 2014 (sessione unica) il progetto “Avanzi di Balera”, prodotto dall’Associazione La Fournaise e diretto da Alessandro Stevanon, ha ottenuto il punteggio necessario per accedere al sostegno destinato a documentari e opere prime. Il filmmaker valdostano, dopo il clamoroso successo di “America”, volgerà questa volta lo sguardo, sempre a cavallo fra finzione e cinema del reale, al mondo delle balere, del liscio e delle orchestre storiche dell’Emilia Romagna.

“Furia”, documentario di Marcello Vai (Moebius Film) che racconta l’incredibile sfida di un ragazzo ad un passato difficile e a se stesso attraverso lo strumento della competizione sportiva, ha infine ricevuto dalla Film Commission un contributo alla postproduzione.



Pagine totali: 1 [ 1 ]