Le news sono disponibili solo in lingua italiana


La Film Commission VdA al Trento Film Festival
inserita in data: 2014-04-22

Nuovi segnali positivi per Film Commission Vallée d’Aoste e per l’audiovisivo valdostano, che consolida la propria presenza nei festival italiani ed internazionali. Sono infatti tre le opere selezionate al 62° Film Festival della Montagna di Trento


Sono infatti tre le opere selezionate al 62° Film Festival della Montagna di Trento: “Verso Dove” di Luca Bich, ”Pianeta Bianco” di Francesco Mattuzzi e “Mezzalama maratona di ghiaccio” di Angelo Poli. Tutte e tre i film hanno ricevuto il sostegno di Film Commission Vallée d’Aoste.

“Verso Dove”, nato dalla volontà di rendere omaggio al grande alpinista Kurt Diemberger, uomo dai molti talenti la cui vita continua a dividersi fra esplorazione, alpinismo e cinema, non è un semplice ritratto dell’uomo e degli avvenimenti che hanno caratterizzato il suo percorso di vita. Il film mostra piuttosto come, anche nel caso di un conquistatore dalla forza sovraumana, il tempo lavori inesorabile e silenzioso e trasformi le possibilità della gioventù in incertezze del futuro.
(In concorso, programmazione il 29/4 h. 21.30 e il 2/5 alle h 17.00 presso il Cinema Modena)

Il cortometraggio “Pianeta bianco” di Francesco Mattuzzi trasforma i ghiacci e le rocce delle Grandes Jorasses in un luogo “altro”, al confine tra realtà e sogno. Un pianeta dall’atmosfera lattiginosa il cui suolo emette luce e sul quale le regole spazio-temporali terrestri, la sensazione e la percezione sono alterati. È un gigante rugoso che si anima fuori scala, fagocitando l’osservatore e disorientandolo: non è più possibile riconoscere la direzione, la dimensione, le distanze.
(In concorso, programmazione il 28/4 h. 19.00 e il 2/5 alle h 15.30 presso il Cinema Modena)


“Mezzalama, maratona di ghiaccio” di Angelo Poli: una famiglia particolare, una famiglia di atleti, chi professionista, chi semplice amatore, ma ognuno spinto dalla stessa passione: lo sci-alpinismo. Uno sport che richiede fatica, allenamento, spirito di sacrificio, una volontà di ferro e carattere, tanto carattere. Doti fondamentali se si vuole partecipare al Trofeo Mezzalama e sperare di arrivare in fondo. Attraverso la vita della famiglia Cazzanelli, padre, figlio e figlia, scopriremo tre modi differenti di partecipare a questa manifestazione. Il Trofeo Mezzalama, con i suoi paesaggi, le sue creste sferzate dal vento a oltre 4000 metri e i suoi atleti, è il protagonista indiscusso del documentario.
(Sezione Alp&Ism, programmazione 30/4 h 17.15 Cinema Modena)

Film Commission Vallée d’Aoste sarà inoltre presente al convegno "Come il cinema cambia le prospettive dei territori”, una riflessione sul ruolo delle Film Commission dell'arco alpino nella produzione cinematografica, televisiva e di documentario. Oltre a FC Vallée d’Aoste partecipano le Film Commission Genova-Liguria, Piemonte, Trentino, BLS e Friuli Venezia Giulia. Il convegno è in programma martedì 29 aprile alle ore 16.00, Sala Conferenze della Fondazione Bruno Kessler.

per saperne di più:

PRIMA VALDOSTANA PER "TIR"
inserita in data: 2014-04-17

Il film di Alberto Fasulo domani al Palanoir di Courmayeur


Si conclude domani con TIR del regista friulano Alberto Fasulo il “mese del documentario” a Courmayeur, iniziativa organizzata da Moebius Films, in collaborazione con il Centro Servizi Courmayeur e il patrocinio di Film Commission Vallée d’Aoste.

La pellicola, sostenuta da Film Commission Vallée d’Aoste e vincitrice del Festival Internazionale del Film di Roma 2013, verrà proiettata al Palanoir domani (venerdì 18 aprile) a partire dalle ore 21.00 (il costo dell’ingresso è di 5 euro).

Sinossi del film - In giro per le strade d’Europa, Branko è diventato un camionista sempre più lontano da tutto e da tutti e vive isolato nella cabina del suo TIR per dare un presente migliore alla sua famiglia. Notte e giorno e per lunghe settimane, in simbiosi con il suo camion, ora guadagna tre volte tanto rispetto al suo stipendio d’insegnante di prima, ma tutto ha un prezzo, anche se non sempre quantificabile in denaro.



ALESSANDRO STEVANON PREMIATO A BARI PER “AMERICA”
inserita in data: 2014-04-08

Alessandro Stevanon con il suo "America" vince il Premio Michelangelo Antonioni per il regista del miglior cortometraggio al Bif&st di Bari.


ALESSANDRO STEVANON PREMIATO A BARI PER “AMERICA”

Alessandro Stevanon con il suo "America" vince il Premio Michelangelo Antonioni per il regista del miglior cortometraggio al Bif&st (Bari International Film Festival). Il regista valdostano ha ricevuto il premio da una giuria presieduta dal produttore Nicola Giuliano, premio Oscar per "La grande bellezza".

Questa la motivazione: “Per la capacità di aver presentato un personaggio irresistibile con uno stile costantemente in equilibrio fra l'approccio documentaristico proprio dello spaccato della vita reale e quello della finzione pura, grazie all'eleganza della confezione stilistica e soprattutto alla capacità di raccontare nel tempo ridotto del cortometraggio l'intera vicenda di un essere umano”.

Il cortometraggio è stato sostenuto nel 2013 da Film Commission Vallée attraverso il suo bando annuale. “Abbiamo sentito Alessandro pochi minuti fa per congratularci e per ringraziarlo per un risultato che ci rende orgogliosi e che conferma che gli autori locali ci sono, e sono in grado di ottenere riconoscimenti di rilievo internazionale”, dichiara il direttore di Film Commission Vallée d’Aoste Alessandra Miletto. “Il premio ad Alessandro e al suo 'America' conferma la bontà dei nostri investimenti e va ad arricchire una stagione che per Film Commission è stata piena di soddisfazioni, con la vittoria di 'TIR' a Roma, le produzioni hollywoodiane sul nostro territorio, altri film in preparazione e un interessante gruppo di filmmaker valdostani presenti ai festival più importanti ed impegnati sui set dei loro nuovi lavori. Un panorama di grande vivacità e in continua crescita. Purtroppo le risorse di cui disponiamo non ci consentono di sostenere l’audiovisivo locale nella misura che sarebbe necessaria ed auspicabile, ma stiamo lavorando quotidianamente per trovare soluzioni. Autori come Alessandro, che realizzano opere di tale livello artistico e che coinvolgono nel loro lavoro molti altri professionisti del settore locale, meritano di essere sostenuti. Auguriamo al suo 'America' tutto il successo che merita, noi continueremo a seguirlo nel suo percorso”.

Dopo Bari, il film di Stevanon sarà presente anche a Vidreres in Spagna (Festival Internacional de Curtmetratge Documental Curt.doc), a Budapest (Pázmány Film Festival), a Prokuplje in Serbia (Short Film Festival) e al Festival del Cinema Patologico di Roma.




Pagine totali: 1 [ 1 ]