Le news sono disponibili solo in lingua italiana


Barmasse premiato ad Ushuaia
inserita in data: 2013-08-30

Quarto riconoscimento per il pluripremiato "Non così lontano"


Ancora un premio per "Non così lontano", la fortunata pellicola di Hervé Barmasse. Dopo aver raccolto premi e consensi in Russia (Mosca), Slovenia (Domzale) e Italia (Cervinia), il documentario è stato premiato come miglior film nell’importante Festival Internacional de Cine de Montana di Ushuaia in Argentina.
"Non così lontano", sostenuto nel 2012 da Film Commission Vallée d’Aoste attraverso il suo film fund, racconta con l’ausilio di immagini mozzafiato l’ascesa di Barmasse e dei suoi compagni di cordata delle tre principali vette valdostane (Monte Bianco, Monte Rosa e Cervino) affrontate in maniera originale su rotte poco battute.


Esordio italiano per “Mirage à l’italienne”
inserita in data: 2013-08-30

La pellicola di Alessandra Celesia, sostenuta da Film Commission Vallée d’Aoste, sarà al Piccolo Teatro di Milano


Dopo i consensi ricevuti in Francia, “Mirage à l’Italienne”, documentario della regista valdostana Alessandra Celesia, giunge in Italia dove verrà proiettato in due importanti occasioni nel mese di settembre: il 10 lo si potrà vedere al Teatro Piccolo di Milano nell’ambito del Milano Film Festival, il 20 sarà la volta della Sicilia in occasione della settima edizione del SalinaDocFest. A fine settembre (28) la pellicola, che racconta con sensibilità e curiosità l’avventura di sei giovani italiani impegnati in un’insolita avventura lavorativa in Alaska, sarà inoltre proiettato al Films Femmes Méditerranée di Marsiglia.


XVII Gran Paradiso Film Festival
inserita in data: 2013-08-20

Ai nastri di partenza la diciassettesima edizione del Gran Paradiso Film Festival - Trofeo Stambecco d'Oro


Dieci film in concorso, undici cortometraggi, incontri, vsite guidate, dibattiti e degustazioni. Dedicata al tema dell'acqua, la XVII edizione del Gran Paradiso Film Festival si terà dal 26 al 31 agosto a Cogne, Rhêmes-Saint-Georges, Valsavarenche, Villeneuve e Ceresole Reale.

Info:
Fondation Grand Paradis
Villaggio Minatori - 11012 Cogne (AO)
Tel – 0165-75301 - Fax 0165-749618

vai al sito del Festival

L'Oro del Monte Bianco al Sestrière Film Festival
inserita in data: 2013-08-05

“L’oro del Monte Bianco”, la docu-fiction firmata da Pietro Giglio e Pietro Taldo è stata selezionata al Sestiere Film Festival


È stata selezionata per la terza edizione del Sestiere film festival “L’oro del Monte Bianco”, la docu-fiction firmata da Pietro Giglio e Pietro Taldo sull’ultimo tentativo di sfruttamento della miniera di Tête Carrée, posta a 3400 metri di quota nel cuore del bacino glaciale del Miage, proprio di fronte al più selvaggio versante del Monte Bianco. La proiezione alla presenza dei due registi valdostani è prevista per le ore 21.00 di lunedì 5 agosto. L’opera è stata sostenuta dalla Film Commission Valle d’Aosta ed è stata supportata dal Comune di Courmayeur, dalla Grivel e dalla Montura.


La Valle d'Aosta in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia
inserita in data: 2013-08-02

QUELLO CHE RESTA di Valeria Allievi
Per la prima volta una regista valdostana in concorso alla 70ma Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia
sezione Orizzonti Concorso Corti


Valeria Allievi, milanese di origine ma valdostana d’adozione, approda a Venezia con “Quello che resta”.
Un viaggio osservativo all’interno della miniera più alta d’Europa.

Un ritratto silenzioso di una realtà estrattiva che ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo industriale del nostro paese fino agli anni '70, quando l'attività mineraria è stata sospesa. Il racconto rigoroso segue i due operai che si occupano della manutenzione del sito. Un lavoro quotidiano svolto un luogo, o non luogo, che rischia di scomparire. Loro stessi sono figli di minatori da generazioni e per loro prendersi cura della miniera rappresenta anche un modo di restare in contatto con le proprie origini.
I pochi dialoghi sono in Patois, lingua valdostana, che esalta l’originalità dell’opera.
Ed è attraverso il viaggio nella miniera, compiuto con la lentezza dei gesti quotidiani, ripetitivi e dove le azioni divengono quasi ipnotiche, che emerge una riflessione poetica su quello che resta.

Pagine totali: 2 [ 1 2 ]